felice-anno-nuovo-2019-associazioneresidentisangiorgio.org-01

Buon Capodanno – 2019

Buon Capodanno – 2019

“Passeggere: Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?    “Speriamo”
 GIACOMO LEOPARDI

Il Direttivo Augura a tutti un Buon Anno 2019

Nel nuovo anno ci aspettano tante sfide e vogliamo impegnarci per vincerle tutte insieme ai nostri soci (e quelli futuri). Per il momento godiamoci le nostre famiglie, augurandovi un Buon Capodanno.

auguri-buon-natale-e-capodanno-associazioneresidentisangiorgio.org-01

Cos’è il Capodanno?

E’ una ricorrenza segnata in rosso sul calendario e che porta con sé eco di tappi di bottiglie, di cenoni e di conti alla rovescia. La scelta del passaggio dal vecchio al nuovo anno il 31 dicembre ha origini molto antiche e risale, si pensa, addirittura al 153 a.C., anno in cui i consoli romani iniziarono a entrare in carica proprio a partire dal 1 gennaio, data che, pertanto, consacrava l’inizio dell’anno politico. Fu poi Giulio Cesare a calendarizzare, all’interno del calendario giuliano, ufficialmente il 1 gennaio come inizio dell’anno.

Anche dopo l’intervento di Papa Gregorio XIII che, nel riformare il calendario nel 1582, fissò al primo gennaio l’inizio dell’anno, contribuendo alla diffusione della tradizione almeno nei paesi cattolici. Il capodanno però, viene celebrato in date diverse in altre culture. Il capodanno cinese, ad esempio, che è lunare, viene festeggiato infatti in corrispondenza del novilunio che cade tra il 21 gennaio e il 19 febbraio, il capodanno induista si festeggia a metà novembre il capodanno islamico, che varia di anno in anno, è stato celebrato nel 2017 il 22 settembre ed stato festeggiato il 12 settembre del 2018.

Le usanze di Capodanno

Nel nostro Paese abbiamo l’abitudine di salutare l’anno nuovo con cotechino e lenticchie che, secondo credenza popolare, sarebbero benaugurali e porterebbero soldi a chiunque le mangi, il motivo di tale “pietanza scaramantica” è da far risalire sempre all’antica Roma e in particolare all’usanza di regalare una scarsella (borsa in cuoio solitamente usata per portare con sé il denaro) piena di tali legumi. Indossare qualcosa di rosso, essa è invece deriva da riti pagani: il rosso, infatti, richiama il calore del fuoco e in particolare quello del Sole che, con il 21 dicembre (e ancor più il 31), ricomincia la sua ascesa verso il nuovo calore. Gli antichi erano soliti scambiarsi tali doni, per augurio, nei giorni di festa, specialmente nelle calende di gennaio; oltre ai ramoscelli sacri, a frutta e a miele successivamente si sostituirono il denaro o altri oggetti. Un accenno al termine strenna. Secondo la tradizione della roma antica, la “strenna” era un dono di natura religiosa e consisteva in un ramoscello colto nel boschetto che circondava il tempio della dea Strenia che veniva offerto al Re.

Il dolce caratteristico sono il panettone e il pandoro. (Il Pandoro è l’evoluzione di un dolce veronese detto Natalin, fu creato nel 1800 da Domenico Melegatti. La sua forma tipica con le stella ad otto punte fu ideata dal pittore Angelo dall’Oca Bianca).

buon-anno-2019-associazioneresidentisangiorgio.org-01
Usanze di Capodanno nel Mondo

In Brasile ci si veste tutti di giallo, il colore dell’oro, del sole e della luce. Il capofamiglia getta il contenuto di un bicchiere di vino all’indietro per allontanare la sfortuna da casa.

In Messico, per tutta la giornata si accende e si spegne il fuoco gettando tra le fiamme pietre o mestoli di legno.

In Spagna durante il Capodanno si mangiano i buñuelos (sfogliatine ricoperte di zucchero). Inoltre è da tradizione mangiare 12 chicchi d’uva allo scoccare della mezzanotte.

In Cina il Capodanno, noto anche come festa della primavera, non coincide con il nostro capodanno ma la data, che segue il calendario lunare, può variare dal 21 gennaio al 19 febbraio secondo il nostro calendario gregoriano. I festeggiamenti durano 15 giorni e terminano con la famosa festa delle lanterne, ci si veste di rosso, pare che impaurisse, assieme a forti rumori, il mostro mitologico chiamato Nian.

Un’usanza tipicamente made in Germany è trascorrere il Capodanno mascherati come fosse Carnevale. Durante la serata si offrono nocinocciole uvetta a tutti.

In Giappone, i festeggiamenti del Toshigami, la divinità dell’anno nuovo, durano dal 31 dicembre al 3 gennaio e sono soliti festeggiare l’avvento dell’anno nuovo facendo come auspicio le “pulizie di casa”.

Cos’è il calendario Gregoriano?

Il calendario gregoriano è il calendario ufficiale nella maggior parte dei paesi del mondo occidentale. Prende il nome da Papa Gregorio XIII, che lo introdusse nel 1582 con la bolla papale Inter gravissimas promulgata a Villa Mondragone (presso Monte Porzio Catone, Roma). È una modifica del calendario giuliano, precedentemente in vigore, in accordo con la proposta del medico calabrese Luigi Lilio, che prese parte alla Commissione presieduta da Cristoforo Clavio, gesuita professore del Collegio Romano, assieme al matematico e astronomo siciliano Giuseppe Scala e al matematico perugino Ignazio Danti.

Per sistemare il calendario giuliano furono usate le misurazioni dell’astronomo Niccolò Copernico, pubblicate nel 1543 (anno della sua morte) sotto il titolo di De Revolutionibus orbium coelestium libri sex (“Sei libri sui movimenti circolari dei corpi celesti”), il quale era riuscito a calcolare, con notevole accuratezza, sia l’anno tropico, sia l’anno siderale.

Si tratta di un calendario basato sull’anno solare, cioè sul ciclo delle stagioni. L’anno è composto da 12 mesi con durate diverse (da 28 a 31 giorni) per un totale di 365 o 366 giorni: l’anno di 366 giorni è detto anno bisestile. Tale ripetizione avviene ogni quattro anni, con alcune eccezioni (si veda sotto per la regola).

Fonte: Wikipedia

Chiedici come fare per iscriverti alla nostra Associazione, dalla sezione Contatti.

Ricordati che puoi anche sostenere i nostri (tuoi) Progetti dalla sezione Sostienici.

TANTI AUGURI di capodanno DI CUORE. IL DIRETTIVO.

Non dimenticare di mettere “Mi Piace” sulla nostra Pagina: Facebook per ricevere le notizie in tempo reale, e soprattutto di farci sapere la “tua” lasciando un commento (costruttivo).

Vi ricordiamo inoltre, sono già aperte le iscrizioni, qui puoi verificarne lo Scopo o i Punti Essenziali, che tengono in vita la nostra Associazione, prima di richiedere (nella sezione Contatti  oppure scarica cliccando sul bottone qui sotto il modulo di Richiesta Iscrizione Associativa compilalo in ogni sua parte, e consegnacelo a mano) i moduli per essere iscritto.

Continua a  seguirci….!!

Modulo Iscrizione Associativa
Scarica da qui

Seguiteci anche su: Facebook

Buon Anno 2019